ACS Blog
Newsletter
Contatto

Temi d'attualità

 

Niente panico per il diesel
Il diesel è e continuerà a essere anche in futuro una componente importante della gamma di propulsori per le automobili. Senza motori ad autoaccensione gli obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2 non sono raggiungibili. Il mix ideale di imbattibile efficienza ed elevata autonomia è impensabile con altre forme di propulsione. I proprietari di diesel possono stare tranquilli. All’orizzonte non si profilano né divieti di circolazione in Svizzera né una sensibile perdita del valore. Il Direttore di auto-suisse Andreas Burgener spiega perché e quali misure saranno adottate.
più »
Un divieto fuori luogo
Nonostante la giustifi cata indignazione per lo scandalo del diesel, non va dimenticato che l’evoluzione della qualità dell’aria in Svizzera rappresentana notevole storia di successo. Non lo affermano le associazioni automobilistiche come l’ACS, ma lo provano le documentate statistiche dell’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM), il quale non può certamente essere sospettato di nutrire un giudizio prevenuto o unilaterale a favore del traffico automobilistico e del trasporto merci.
Editoriale 05-17
ACS firma con Allianz: il futuro è prospero
Dopo 15 anni di fruttuosa collaborazione con Zurich assicurazioni (il mandato terminerà uffi cialmente il 31 dicembre 2017), annunciamo con grande piacere di aver siglato un accordo quadro con Allianz Global Assistance (AGA). Dal primo gennaio 2018, essa subentrerà quale fornitore di prestazioni relative al soccorso stradale, ramo in cui è leader mondiale un itamente alle assicurazioni di viaggio e ai servizi sanitari.
Editoriale 04-17
Burocrazia insensata ai confini di stato
Qual è la differenza se un veicolo regolarmente immatricolato valica la frontiera sulle proprie quattro ruote o trasportato su un rimorchio? Le dogane ritengono che differenza c’è. Per l’ACS, invece, questa distinzione non è comprensibile, ragione per cui esorta le autorità competenti ad abolire questa inutile complicazione burocratica.
Editoriale 03-17
Un aumento esponenziale del costo della mobilità
Per la strategia energetica svizzera sono previste diverse fasi. La prima – la nuova legge sull’energia – verrà sottoposta a voto popolare con il referendum apartitico del 21 maggio 2017. La particolarità di questa legge risiede nell’obiettivo irrealistico di voler dimezzare il consumo di combustibile per il riscaldamento, gas, benzina e diesel nel periodo 1990-2035. Il suo finanziamento è appeso ad un filo, in quanto la seconda fase della strategia energetica – il sistema d’incentivazione nel settore del clima e dell’energia (SICE) – è stato già affondato dalla commissione competente del Consiglio Nazionale.
Editoriale 02-17
Hotline ACS +41 31 328 31 11
Soccorso stradale ACS +41 44 628 88 99