Sprache

Area docenti
Merlo Bianco

Scoprite chi è il Merlo Bianco. di più »

Gioco

Qui accedete direttamente al gioco. Avete la possibilità di scegliere tra 4 giochi. Buon divertimento! di più »

Informazioni sui giochi

Qui trovate le informazioni dettagliate ed le istruzioni sui. Buon divertimento! di più »




Per migliorare la sicurezza stradale occorrono degli esempi positivi. Solo così è possibile aumentare il senso di responsabilità verso se stessi e tutti gli altri utenti della strada. Il riconoscimento "Cavaliere della strada" sostiene tale atteggiamento e testimonia da anni che la circolazione stradale non è segnata solo dalla cronaca nera. Coraggio, responsabilità e, in particolare, dovere civico contraddistinguono i cavalieri. Spesso, le persone insignite con l'onoreficenza "Cavalieri della strada" sono state protagoniste di atti esemplari.

Frequentemente hanno messo a repentaglio la propria vita per prestare soccorso a chi si trovava in situazioni di pericolo.C'è chi ha salvato persone da vetture in fiamme. C’è chi, in una notte buia si è tuffato nell'acqua gelida per liberare un bambino rimasto chiuso in un'auto. Ma anche in altre situazioni i "Cavalieri della strada" hanno compiuto interventi eccezionali per prestare soccorso in situazioni che sembravano disperate.

L'iniziativa «Cavaliere della strada» è cofinanziata dal Fondo di sicurezza stradale (FSS). Nata 42 anni fa, beneficia di un ampio sostegno (SRG SSR idée suisse, upi, ACS, TCS, ASTAG, ACVS) ed è molto apprezzata dalla popolazione.

Premia persone che si sono distinte per un comportamento particolarmente coraggioso, rispettoso o antinfortunistico. La più giovane ad aver ricevuto il titolo è una ragazza di nove anni, mentre il premiato più anziano è un settantottenne.
Bild
Le candidature per il riconoscimento di «Cavaliere della strada», corredate da una breve descrizione dell'accaduto e della dichiarazione di un testimone o dal verbale di polizia, vanno inviate a:

«Cavaliere della strada»
Hodlerstrasse 5a
3011 Berna

www.cavalieredellastrada.ch

Comunicato Stampa

Quando l'auto finisce in acqua...

Saper reagire correttamente in caso di incidente: ognuno di noi può intervenire per evitare il peggio e salvare vite umane, ad esempio quando un'automobile finisce in acqua e i suoi occupanti rimangono intrappolati nell'abitacolo. In collaborazione con il gruppo lacuale della Polizia cantonale vodese e il Dynamic Test Center, l'iniziativa «Cavaliere della strada» ha mostrato oggi sulla Place du Marché di Vevey quali sono i gesti da compiere per salvare se stessi o altri in questa situazione.

Nel quadro di un evento commentato dal vivo, sulla Place du Marché di Vevey è stata allestita una grande vasca piena d'acqua in cui è stata immersa un'automobile. Gli specialisti del gruppo lacuale della Polizia cantonale vodese e del Dynamic Test Center (DTC) hanno spiegato come comportarsi per salvare gli occupanti senza correre rischi sconsiderati. Grazie a un nuovo simulatore, gli spettatori hanno potuto rendersi conto di quanto sia difficile aprire una portiera o rompere un finestrino sott'acqua. Spesso, in una situazione di emergenza, agire anziché stare a guardare e prestare i primi soccorsi permette di evitare il peggio. Ovviamente, sarebbe meglio se queste situazioni non si verificassero affatto. Per questo, oltre agli stand informativi, sulla Place du Marché erano stati installati diversi simulatori grazie ai quali i visitatori hanno potuto sperimentare sulla propria pelle l'efficacia della cintura di sicurezza in caso di frenata brusca o rovesciamento oppure il comportamento di un veicolo in qualsiasi condizione di strada e di tempo.

Giorno dopo giorno, i soccorsi fanno l'impossibile per venire in aiuto a persone rimaste ferite in incidenti stradali. Ma a volte ci vuole anche l'intervento rapido, coraggioso e disinteressato di normali cittadini. Questo perché spesso a essere decisivi sono i primi minuti dopo un incidente. Dal 1969, dando prova di grande prontezza di spirito, molte persone sono riuscite a limitare le conseguenze di un incidente e addirittura a salvare vite, tanto che 470 di esse sono state insignite del riconoscimento di «Cavaliere della strada». Oltre un quarto dei cavalieri della strada ha salvato persone rimaste bloccate nella propria automobile sott'acqua. Pur non essendo molto frequenti, questi incidenti hanno spesso conseguenze tragiche, ragion per cui l'iniziativa «Cavaliere della strada» ha organizzato oggi a Vevey questo evento di sensibilizzazione unico in Svizzera francese.
L'iniziativa «Cavaliere della strada» è cofinanziata dal Fondo di sicurezza stradale (FSS). Nata 42 anni fa, beneficia di un ampio sostegno (SRG SSR idée suisse, upi, ACS, TCS, ASTAG e ACVS) ed è molto apprezzata dalla popolazione. Premia persone che si sono distinte per un comportamento particolarmente coraggioso, rispettoso o antinfortunistico. La più giovane ad aver ricevuto il titolo è una ragazza di nove anni, il premiato più anziano è un settantottenne.

Le candidature per il titolo di «Cavaliere della strada», corredate di una breve descrizione dell'accaduto e della dichiarazione di un terzo o del verbale di polizia, vanno inviate a: «Cavaliere della strada», Hodlerstrasse 5a, 3011 Berna, www.cavalieredellastrada.ch
Hotline ACS +41 31 328 31 11
Soccorso stradale ACS +41 44 628 88 99