Tom Lüthi

Thomas "Tom" Lüthi è nato il 6 settembre 1986 a Oberdiessbach ed è cresciuto in campagna a Linden, un paese di 1’300 anime del Canton Berna, dove vive ancora oggi. La passione per le moto l’atleta svizzero ce l’ha nel sangue, dato che anche suo padre partecipava a gare motociclistiche, sebbene a livello regionale. Tom inizia presto la sua carriera, disputando la sua prima gara a bordo di una minimoto a nove anni.

Nel 2002, a 16 anni, si classifica terzo al campionato motociclistico tedesco, l'IDM, e secondo a quello europeo. La prima stagione completa nel campionato del mondo arriva per lui nel 2003, quando si piazza secondo in Catalogna. Per festeggiare la prima vittoria a un campionato mondiale di MotoGP, bisogna invece attendere il Gran Premio di Francia, nel 2005 a Le Mans. Il 6 novembre 2005, Lüthi si aggiudica il titolo mondiale nella classe 125 a Valencia, in sella alla sua Honda. Il titolo lo piazza al sesto posto nella classifica dei campioni del mondo più giovani della storia.

Il successo gli vale anche il premio di Atleta Svizzero dell’anno 2005, e il "Swiss Award" come svizzero dell'anno nella categoria "Sport". Nel 2006, la sua lotta per la difesa del titolo lo porta all'ottavo posto complessivo.

L'anno dopo, nel 2007, approda finalmente alla classe 250, cambiando contestualmente anche scuderia: dalla Honda passa all'Aprilia. Dopo tre anni in una categoria così competitiva come la 250, Lüthi fa il suo ingresso nella classe 600 della Moto2. Al termine della stagione 2017, Tom Lüthi può già essere orgoglioso dei suoi risultati: ha gareggiato per otto anni ad alto livello nel campionato mondiale di Moto2, si è guadagnato ben 45 podi nelle stagioni 2010-2017, ha in tasca 11 vittorie ed è stato vicecampione mondiale per due volte (2016 e 2017).

Nel 2018 arriva anche la realizzazione di un sogno: l’atleta svizzero accede finalmente al campionato mondiale di MotoGP e inaugura la sua militanza nella classe regina su una Honda RC213V. La stagione si mette purtroppo peggio di quanto sperato, non da ultimo perché una lunga pausa per infortunio nella stagione invernale 2017/2018 toglie al campione tempo prezioso per un’adeguata preparazione. Ma Tom non sarebbe il Tom Lüthi che conosciamo, se si lasciasse abbattere da eventi come questi. Infatti il testardo campione bernese non perde la voglia di combattere: dopo aver chiuso una stagione complessa nella MotoGP ed essersi aggiudicato un posto nella Moto2, nella stagione 2019 eccolo a bordo della sua fida Kalex per riprendere la strada interrotta verso la vittoria.

Il suo ritorno nella Moto2 è premiato dal successo: il campione si piazza infatti al terzo posto in classifica generale. Il palmarès personale di Tom Lüthi nella Moto2 vanta così 12 vittorie, 53 podi, due titoli di vicecampione mondiale e un terzo posto nella classe media del campionato del mondo.

Nel 2020 Tom Lüthi è atteso alla griglia di partenza della Moto2 con il LIQUI MOLY Intact GP Team.

Diese Webseite verwendet Cookies. Durch die Nutzung der Webseite stimmen Sie der Verwendung von Cookies zu. Datenschutzinformationen