I pericoli dei viaggi all’estero in macchina

Comportamenti da osservare in caso d’incidente all’estero!

Una piccola distrazione e… crash! Ecco l’incidente. Dopo le vacanze, riceviamo regolarmente segnalazioni su danni e controversie legati ai sinistri all’estero. Ecco qui di seguito alcuni nostri consigli, ricordandovi preventivamente che la protezione legale CAP può aiutarvi a far valere i vostri diritti.

Per evitare che un ricordo spiacevole si trasformi in un incubo subito dopo l’incidente, è bene tenere a mente alcune cose.

Mantenere la calma

Innanzitutto, è importante mantenere la calma e non avere fretta (eccetto per le cure ai feriti che richiedono l’ospedalizzazione, caso in cui è necessario agire velocemente). A seconda del paese, è obbligatorio chiamare la polizia. Bisogna assolutamente farlo in caso ci siano dei feriti o se altre persone coinvolte nell’incidente non vogliono collaborare (ad esempio, in caso di disaccordo sulla colpa, rifiuto a collaborare per la constatazione amichevole, omissione di soccorso, ecc.)

Conservare le prove

Nei primi minuti, è importante registrare i fatti nel modo più dettagliato possibile. Spesso, i possibili reclami di responsabilità civile vengono bloccati a causa di prove insufficienti. È particolarmente importante annotare i nomi e gli indirizzi esatti della controparte e di tutte le altre persone coinvolte nell’incidente. Se possibile, fotografate subito la scena dell’incidente, prima che i veicoli vengano spostati o vengano rimosse altre prove. È consigliabile fotografare anche la Carta Verde e la polizza assicurativa, così come la targa del veicolo della controparte. Se la polizia è presente, annotate con precisione la stazione di polizia e il nome dell’agente e conservate con cura queste note.

Constatazione amichevole europea

Nel caso di un semplice incidente con una chiara dinamica del sinistro, spesso basta la constatazione amichevole europea. È strutturata nello stesso modo in tutte le lingue, affinché le persone coinvolte possano compilare il modulo da sole, anche se scritto in un’altra lingua. A tal riguardo, è importante fare una considerazione: spiegate solo come si è verificato l’incidente, non firmate mai un’ammissione di colpa e non accettate mai un modulo contenente annotazioni a voi incomprensibili. Procuratevi un modulo di constatazione amichevole europeo (è possibile richiederlo gratuitamente alla propria compagnia assicurativa) e studiatelo prima di partire. Può essere utile inserire in anticipo le informazioni sulla vostra persona, sul vostro veicolo e sulla vostra assicurazione: vi farà risparmiare tempo in caso di emergenza e potrete utilizzarlo per ottenere ulteriori prove.

Ufficio nazionale di assicurazione

Se l’altra persona coinvolta nel sinistro si è data alla fuga, ma siete riusciti ad annotare il numero di targa, l’NBI (Ufficio Nazionale Svizzero delle Assicurazioni) può aiutare fornendo il nome e l’indirizzo del rappresentante dei sinistri in Svizzera. Questa figura agisce, anche in tutti gli altri casi, come interlocutore dell’assicurazione RC auto straniera del proprietario del veicolo. Sul sito web dell’ nbi , troverete altri consigli utili su come comportarsi dopo un incidente all’estero.

In qualità di soci Premium ACS, CAP Legal Protection vi aiuterà a far valere le rivendicazioni d’indennità extracontrattuali per danni materiali e lesioni personali, oltre alle perdite finanziarie che ne derivano. Tuttavia, può farlo solo se dispone delle prove necessarie. Infine, in caso di negligenza, la protezione giuridica CAP può assistervi per qualsiasi procedimento penale e amministrativo che possono derivare da un incidente all’estero.

Diese Webseite verwendet Cookies. Durch die Nutzung der Webseite stimmen Sie der Verwendung von Cookies zu. Datenschutzinformationen