I compiti di un manager: il 2023 in primo piano

25.08.2022

Agosto è un mese solitamente abbinato alle vacanze, ma per coloro i quali sono impegnati negli sport motoristici è sinonimo di trattative contrattuali e programmazione in vista dell’anno successivo. Si tratta, dunque, di un periodo molto intenso. Squadre in cerca di piloti e piloti in cerca di squadre; ed entrambi alla rincorsa degli sponsor. Quanto al pubblico, esso freme per conoscere i movimenti di mercato e sotto quali colori correranno i propri idoli.

È una situazione che prima conoscevo solo come pilota. Ogni estate i pensieri si facevano sempre più intensi, soprattutto perché avevo un contratto che si rinnovava di anno in anno. Mi chiedevo: la mia prestazione è stata all'altezza? Continuerò a lavorare sulle basi esistenti e, se sì, sarò in grado di farlo? Quali sponsor si fideranno ancora di me e quali si ritireranno?

Da quest’anno, tuttavia, mi trovo dall’altra parte: mi occupo di questioni simili, ma da un punto di vista completamente diverso. Quali sono i piloti che vogliamo o di cui abbiamo bisogno nel nostro team? Quale configurazione ci porterà al successo e con quali talenti potremo soddisfare le aspettative dei nostri sponsor o addirittura acquisirne di nuovi?

È sempre una sfida pianificare questi elementi in anticipo, discuterne con gli atleti e i finanziatori, perché non si vogliono causare disequilibri o alimentare voci errate. Eppure, per quanto mi concerne, quello appena trascorso è uno dei momenti più entusiasmanti dell’anno. Nella mia nuova posizione di team manager, mi rendo conto di quanto il pre-campionato rappresenti un’avvincente partita a scacchi a determinare le forze in campo durante la stagione che verrà. Sono curioso di scoprire quanto la nostra strategia risulterà vincente.

Un caro saluto,

Tom Lüthi

Ambasciatore ACS

Diese Webseite verwendet Cookies. Durch die Nutzung der Webseite stimmen Sie der Verwendung von Cookies zu. Datenschutzinformationen