Targhe Professionali

Solamente per la Svizzera: l’ACS fornisce soccorso stradale anche per i veicoli dotati di targa professionale (targhe con la sigla U)!

Attualmente questo servizio di soccorso stradale è limitato alla Svizzera per i seguenti motivi

  • Secondo alcune interpretazioni, la licenza di circolazione collettiva svizzera non soddisfa in ogni punto i criteri del diritto internazionale (ai sensi dell’art. 35 della Convenzione di Vienna sulla circolazione stradale). Non vi è alcuna garanzia che questo documento sia riconosciuto all’estero. I viaggi all’estero in possesso di targa professionale e di licenza di circolazione collettiva vengono pertanto effettuati a proprio rischio e pericolo.
  • Secondo la nostra interpretazione della Convenzione di Vienna sulla circolazione stradale, i requisiti sono soddisfatti se la licenza di circolazione collettiva è accompagnata da un documento che identifica chiaramente il veicolo. Si parla di una licenza di circolazione annullata o del modulo 13.20A.

Si sconsiglia vivamente di viaggiare in Italia, poiché le autorità italiane non riconoscono le targhe professionali. Viaggiare in altri Paesi non è in genere un grosso problema. I veicoli dotati di targa professionale svizzera potranno così circolare in territorio tedesco; il testo entrerà in vigore il 1° luglio 2021. Nei territori doganali l’accettazione della licenza di circolazione collettiva svizzera è invece soggetta alla legge delle autorità interessate. Vi consigliamo pertanto di procurarvi informazioni dettagliate da queste autorità.

Vi preghiamo di considerare che non è più consentito restituire un veicolo con targa professionale che si trovi all’estero (ad esempio quando si acquista un’auto).

Ultimi sviluppi

Mentre i cittadini italiani o tedeschi possono entrare in Svizzera con una targa provvisoria, non è vero il contrario, come sopra accennato, per i proprietari di garage svizzeri che viaggiano con una targa con la sigla U. Le trattative con la Germania hanno già avuto successo e i viaggi con le targhe dei concessionari svizzeri saranno permessi a partire dal 1° luglio 2021.

L’Ufficio federale delle strade (USTRA) sta attualmente conducendo trattative con le autorità italiane al fine di attuare specifici accordi bilaterali.

Diese Webseite verwendet Cookies. Durch die Nutzung der Webseite stimmen Sie der Verwendung von Cookies zu. Datenschutzinformationen