Un buon bilancio ecologico

Camper e roulotte sono ecologici? A questo riguardo, le opinioni sono contrastanti. Uno studio fa luce sulla questione.

Camper e roulotte sono ecologici?

Un’automobile consuma molto più carburante se deve trainare una roulotte. I camper sono grandi, pesanti, hanno un’enorme superficie frontale e consumano almeno 10 litri di diesel per 100 km. Questa è una delle teorie. Ma i campeggiatori sono convinti che siano estremamente ecologici. In passato, due studi del 2007 e del 2013 hanno ampiamente confermato quest’ipotesi.

Ma che dire dell’impronta ecologica quando si guarda il quadro generale? Qual è l’impronta di CO2 di un veicolo ricreativo, dalla produzione allo smaltimento? Uno studio del rinomato Istituto per l’Energia e la Ricerca Ambientale di Heidelberg (IFEU) fa luce sulla questione.

In questo studio, i ricercatori hanno confrontato le vacanze in camper in piazzole o campeggi; i viaggi in aereo, in treno o in automobile verso la destinazione delle vacanze; e le crociere su navi passeggeri. Oltre alle emissioni inquinanti, è stato preso in considerazione anche il fabbisogno di energia elettrica, in quanto la sua produzione implica diversi livelli di emissioni inquinanti, a seconda della destinazione delle vacanze. Sono state quindi scelte e confrontate dai ricercatori tre destinazioni di viaggio in regioni diverse: l'isola di Rügen nel Mar Baltico; Marsiglia, la metropoli francese sul Mediterraneo; e un tour in Scandinavia.

L’elettricità non ha dappertutto le stesse caratteristiche. In Svizzera, le emissioni di CO2 sono basse, solo 154 grammi per chilowattora (kWh), grazie al forte apporto di energia idroelettrica, rispetto alla media europea di 630 g/kWh. In Germania sono g/571 kWh, in Francia solo 56 g/kWh grazie all’alta percentuale di energia nucleare, e i valori in Scandinavia, con 102 g/kWh, sono anche più bassi che in Svizzera, grazie alla produzione di elettricità sostenibile.

Diverse categorie

Per ottenere risultati quanto più accurati possibili, lo studio ha diviso i veicoli ricreativi in diverse categorie. Uno di loro analizza una roulotte con un peso lordo di 1,8 tonnellate di carico totale consentito; un’automobile diesel di medie dimensioni da 150 CV; un furgone fino a 3,5 tonnellate; un camper semi-integrale dello stesso peso; e un camper integrale con 4,5 tonnellate di carico totale consentito. Sono stati presi in considerazione anche i requisiti di calore ed elettricità durante la produzione, pari a 739,5 e 491 kWh.

Poiché il calore è generato da trucioli di legno (scarti di produzione) in molti produttori, questo elemento ha giocato solo un ruolo minore nei calcoli. È anche interessante considerare i costi di produzione e di smaltimento dei veicoli. Un’auto diesel media produce l’equivalente di 10,0 tonnellate di CO2. Nel caso dei camper, queste emissioni vanno da 15,2 a 18,6 tonnellate, con gli autocaravan di nuovo nel segmento inferiore e i camper integrali in quello superiore. La roulotte pesante 5,6 tonnellate richiede un veicolo di traino per gli spostamenti.

Camper economici

Il consumo dei veicoli ricreativi è particolarmente elevato. A 120 km/h in autostrada, i camper consumano in media 11,2 l/100 km, 12,3 l/100 km nei centri abitati e 9,3 l/100 km fuori dai centri abitati. I camper integrali devono rispettare il limite di velocità di 80 km/h e quindi consumano solo 9,7 l/100 km in autostrada, 14,4 l/100 km nel traffico urbano e 10,1 l/100 km fuori dai centri abitati. Per una roulotte con un veicolo trainante ad una velocità massima di crociera di 100 km/h, il consumo è pari a 11,2, 14 e 10,9 litri.

Camper e roulotte sono ecologici?

Influenze climatiche

Altri parametri che consentono di valutare la compatibilità ambientale dei veicoli ricreativi sono la climatizzazione notturna degli spazi abitativi e il fabbisogno di energia elettrica. Questi valori di consumo variano a seconda della destinazione di viaggio. Se il riscaldamento non è necessario a Marsiglia in estate, una quantità considerevole di elettricità viene utilizzata per l’aria condizionata. La situazione è molto diversa sull’isola di Rügen o a Oslo, dove la maggior parte dell’energia viene usata per il riscaldamento.

Secondo i risultati dello studio, i camper con due persone a bordo emettono da 181 a 198 g di CO2 per chilometro/persona, che è significativamente inferiore alle emissioni di un volo medio intraeuropeo (213 g di CO2). Il viaggio di una famiglia di quattro persone mostra una differenza ancora maggiore. Due vacanzieri che viaggiano verso la loro destinazione in automobile emettono 125 g di CO2 per chilometro/persona. Gli autobus e i treni a lunga percorrenza, con una media di 31 g di CO2, sono molto più ecologici.

Hotel con un bilancio ecologico meno convincente

A causa del bilancio ecologico sfavorevole delle vacanze in hotel, il risultato finale è ampiamente a favore dei camper e delle roulotte. Anche un viaggio con i mezzi pubblici verso la destinazione delle vacanze, per esempio a Rügen, emette 742 g di CO2. Passando la notte su una piazzola in un camper semi-integrale, vengono emessi 11 kg in meno. I van sono ancora più vantaggiosi. Solo i vacanzieri che si recano in un campeggio in treno possono rivendicare un impatto ambientale ancora minore, vale a dire 251 kg di emissioni.

Opinione

Più breve è il viaggio di andata e ritorno e più lunga è la durata del soggiorno, più il camper diventa ecologico. Lo studio ha mostrato chiaramente che per un pernottamento in hotel, si generano fino a dieci volte più emissioni per persona. E che i viaggi aerei e le crociere hanno di gran lunga il peggior record ambientale. In un tour della Scandinavia, che copre circa 3.350 km, due campeggiatori in camper emettono circa 1.300 kg di CO2. Se i due avessero visitato gli stessi luoghi a bordo di una nave da crociera di categoria superiore, avrebbero emesso 2.769 kg. Lo studio dimostra quindi che camper e roulotte sono molto più ecologici di quello che si pensa!

Testo: Markus Rutishauser e Michael Kirchberger
Immagini: zVg

Diese Webseite verwendet Cookies. Durch die Nutzung der Webseite stimmen Sie der Verwendung von Cookies zu. Datenschutzinformationen